guida in sicurezza

Sicurezza alla guida, le 5 regole da tenere a mente quando si è al volante

Guidare in sicurezza è un dovere verso sé stessi e verso gli altri. Basta seguire con attenzione poche e semplici regole per garantirsi una guida davvero sicura e senza problemi. Cinque consigli che cominciano ancora prima di mettersi in viaggio, facendo un check alla propria auto, e finiscono tenendo bene a mente le regole del codice della strada.

L’automobile è un mezzo di trasporto sicuramente bello e affascinante ma che porta con sé un margine di rischio ogni volta che ci si mette al volante. Per questo motivo, la sicurezza alla guida è un concetto fondamentale, a cui prestare sempre la massima attenzione. Non è un caso che negli anni si siano sviluppati e abbiano conosciuto un successo crescente i corsi di guida sicura. Al di là di questi percorsi formativi, utili ad acquisire abilità superiori, esistono poche semplici regole che chiunque può e deve seguire per garantire a sé stesso e ai propri passeggeri la massima sicurezza durante un viaggio. Regole che valgono soprattutto quando si devono affrontare tragitti lunghi, che impongono di passare molte ore al volante.

Scopri come diventare un vero pilota

Fai un check alla tua auto prima di metterti in viaggio

Ciò che garantisce davvero sicurezza quando si guida è lo stato dell’automobile, che deve essere perfetto. Prima di mettersi in viaggio, quindi, è opportuno fare un check, per verificare, ad esempio, che gomme e freni siano efficienti, che le sospensioni siano funzionanti, che olio e acqua siano presenti a sufficienza nei rispettivi serbatoi. Ed è importantissimo anche sincerarsi della pulizia dei cristalli, che devono garantire una visibilità impeccabile, e degli airbag.

Realizza il sogno di guidare in pista

Sistema con attenzione ogni dettaglio prima della partenza

Una volta accertatisi che la propria auto può viaggiare, è necessario settare sulle proprie esigenze tutti gli elementi personalizzabili: distanza del sedile dal volante, altezza dei poggiatesta, altezza delle cinture di sicurezza, posizione dello specchietto retrovisore e degli specchietti laterali. Inoltre, la visuale sia di fronte che dietro e di lato deve essere completamente libera e nell’auto non devono esserci oggetti che, muovendosi a seguito di una frenata o di un cambio velocità, possano risultare d’intralcio.

Leggi anche i consigli per guidare sul bagnato

Non guidare se non sei in perfetta forma

In perfetta forma, però, non deve essere solo l’auto ma anche chi è chiamato a guidarla. Può sembrare banale ma vale sempre la pena ripeterlo: non bisogna per nessun motivo mettersi alla guida se non si è perfettamente lucidi (magari a causa di qualche bicchiere di troppo) o se si è stanchi o addirittura assonnati. Meglio rimandare e riposarsi. Attenzione anche agli effetti eccessivamente rilassanti di alcuni farmaci così come a dolori fisici che possono causare problemi nei normali movimenti di guida.

Leggi anche i consigli di guida sulla neve

Mantieni calma e concentrazione

Mettersi alla guida solo se ci si sente al meglio permette anche di seguire la quarta regola d’oro della sicurezza al volante, cioè quella che impone di mantenere sempre al massimo sia la calma che la concentrazione. Anche se dopo anni di pratica, guidare finisce per sembrare un’azione assolutamente naturale, non lo è poi così tanto. Quando si conduce un’automobile, infatti, si è chiamati a stare attenti a numerosi stimoli e a reagire con prontezza a possibili imprevisti. Senza nervi saldi e serenità non si va molto lontani.

5 consigli per imparare a guidare meglio

Rispetta limiti di velocità, segnali stradali e indicazioni

Le regole del codice della strada hanno un obiettivo primario: garantire la sicurezza di tutti coloro che si trovano per strada (in auto, in moto, a piedi e via dicendo). Questa constatazione dovrebbe essere sufficiente a far comprendere quanto sia vitale rispettare tali regole, soprattutto quando si tratta di limiti di velocità, segnali di stop e di precedenza, attraversamenti pedonali.

Scopri le Driving Experience dell’Autodromo Nazionale Monza


Lavori Monza

Lavori di ammodernamento - Parte da Monza il futuro della F1

140 giorni – 21 milioni di euro un impegno per adeguarsi agli standard della F1 di oggi.

Sticchi Damiani: “Renderemo questo Autodromo uno dei migliori al mondo

Fontana: “La Regione sempre a fianco di Autodromo, Parco e Villa Reale

Domenicali: “Ringrazio le istituzioni per questo notevole sforzo

Pilotto: “Questo intervento un banco di prova delle nostre capacità"

Venerdì 30 agosto 2024, in occasione della 95esima edizione del “Formula 1 Pirelli Gran Premio d’Italia”, l’Autodromo Nazionale Monza - il circuito più antico, prestigioso e veloce del mondo F 1 - dopo 140 giorni di lavori e investimenti per complessivi 21 milioni di euro, si presenterà a piloti, team, addetti ai lavori, media, tifosi e appassionati con anima e corpo completamente rinnovati: un restyling che renderà “Il Tempio della velocità” più moderno, performante, sicuro, confortevole, sostenibile. Un impegno per adeguarsi agli standard della Formula 1 moderna.  All’avvio dei lavori questa mattina ha partecipato anche il Vice Presidente del Consiglio e Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Matteo Salvini.

Angelo Sticchi Damiani (Presidente Automobile Club Italia)Vogliamo coniugare la storia straordinaria di questo impianto, che ha ospitato le gesta dei campionissimi di tutti i tempi del motorsport mondiale, con la ricerca tecnologica e le soluzioni architettoniche più all’avanguardia, naturalmente nel massimo rispetto del luogo iconico nel quale siamo.  Siamo infatti all’interno del secondo parco recintato in Europa come estensione, un parco vincolato, un tesoro da custodire anche per le generazioni future. All’interno di questo contesto abbiamo progettato e da oggi in avanti lavoreremo per la realizzazione di un progetto ambizioso che avrà come scopo, nel giro di tre anni, quello di completare un restyling significativo dell’Autodromo. L’obiettivo, quello di far sì che il nostro impianto si allinei ai migliori circuiti di tutto il mondo, come qualità dell’offerta fornita, conservando il plus degli oltre cento anni di storia, patrimonio unico dell’Autodromo Nazionale Monza. Sempre nella ricerca di tenere ben saldo il timone, nello sviluppo del nostro cammino che inizia oggi, i primi interventi sono indirizzati a salvaguardare la fruibilità dell’impianto e la sicurezza del pubblico, cercando nel frattempo di arrivare, al prossimo gran premio, dando subito un’immagine nuova ed accattivante del circuito. Siamo assolutamente grati dell’attenzione del Governo e delle Autorità Pubbliche, testimoniata dalla presenza dell’Onorevole Matteo Salvini, Vice Presidente del Consiglio dei Ministri e Ministro dei Trasporti e delle infrastrutture, che ha voluto testimoniare l’appoggio ad Automobile Club d’Italia, all’Automobile Club Milano, qui rappresentato dal Presidente Geronimo La Russa, e alla SIAS nella persona del Presidente Giuseppe Redaelli.  Una ulteriore testimonianza della compattezza della squadra che sta portando avanti questo progetto è l’appoggio incondizionato che la Regione Lombardia, nella persona del suo Presidente Attilio Fontana, ha sempre manifestato”.

Stefano Domenicali (Presidente e A.D. Formula 1): "Gli importanti lavori che iniziano qui oggi rappresentano il primo passo che serve ad adeguare l’impianto di Monza agli standard richiesti dalla moderna Formula 1. Voglio ringraziare il Ministro per le Infrastrutture e i Trasporti, il Presidente della Lombardia, il Presidente dell’Automobile Club d’Italia e il sindaco di Monza per lo sforzo  che ha portato a questo annuncio e a rendere possibile gli investimenti. Non vedo l’ora che questi lavori siano completati in tempo per il Gran Premio d’Italia di settembre e auspico che l’intero programma di lavori continui nei prossimi anni”.

Attilio Fontana (Presidente della Regione Lombardia)Il complesso del Parco e della Villa Reale di Monza è un gioiello della nostra Lombardia che ospita attività importanti. Tra queste l’Autodromo dove si svolge il Gran Premio di Monza che ha una storia e una fama con pochi eguali e un importante ritorno per il territorio. Regione Lombardia ha sempre sostenuto con risorse consistenti sia il complesso della Villa Reale, con 55 milioni di euro per la realizzazione del masterplan, sia ACI, con 32 milioni di euro di risorse autonome e 25 milioni derivate dallo Stato, per i lavori che permetteranno di usare gli impianti al meglio possibile con un importante ritorno economico. Ci auguriamo che le opere di ristrutturazione, che oggi partono, siano realizzate nei tempi previsti e che al più presto si concretizzino anche i lavori previsti su tribune e box. Confidiamo, inoltre, che le Istituzioni nazionali continuino a sostenere insieme a noi, il Parco di Monza con la sua Villa e il Gran Premio”.

Paolo Pilotto (Sindaco di Monza)L’impegno costante di tutti i soggetti pubblici coinvolti ha consentito di arrivare alla giornata di oggi con l’avvio dei lavori. In particolare abbiamo dedicato grande attenzione a mantenere un equilibrio stabile e rigoroso tra le esigenze dell’impianto sportivo - che vanta una storia gloriosa - e il rispetto del patrimonio culturale e ambientale che lo circonda, altrettanto storico e prestigioso. Quello di oggi è certamente un traguardo, ma anche una sfida nell’assicurare qualità e precisione dell’esecuzione, coniugandole con il rispetto dei tempi previsti: una prova di velocità e abilità che il circuito richiede e che siamo certi sarà applicata anche alle altre opere che il capoluogo della Brianza attende, a partire dal prolungamento della linea M5 da Milano a Monza.

Un impianto più moderno, performante, sicuro, confortevole, sostenibile. Di seguito, in sintesi, gli interventi più significativi che interesseranno l’Autodromo Nazionale Monza e che, grazie all’utilizzo di materiali ottenuti da materie prime rigenerate e rigenerabili, comporteranno uno scarso sfruttamento di risorse vergini, avranno un impatto minimo sull’ambiente naturale del parco e consentiranno la riduzione sia dell’inquinamento atmosferico che di quello acustico:

pavimentazione flessibile di nuova concezione, che renderà il tracciato più performante, sia in termini di velocità che di resistenza;

demolizione e ricostruzione dei cordoli presenti lungo le curve;

rifacimento del sistema di raccolta delle acque e drenaggio (il nuovo sistema è stato studiato, specificatamente, per far fronte ai sempre più frequenti eventi atmosferici estremi);

riqualificazione del viale di ingresso da Vedano;

demolizione e ricostruzione di 3 sottopassi (ingresso Santa Maria alle Selve, adiacente alla piscina, e i due che raggiungono viale Mirabello, passando sotto il rettifilo compreso tra variante Ascari e curva Parabolica-Alboreto);

realizzazione di un nuovo sottopasso che collegherà Porta Vedano alla Parabolica;

realizzazione di nuovi percorsi pedonali in calcestre, materiale ideale per pavimentazioni pedonali all’aperto.

In tutti i sottopassi, per garantire al pubblico di seguire prove, qualifiche e gare nella massima sicurezza, traffico pedonale e veicolare saranno separati e ci sarà un nuovo accesso, funzionale e sicuro, per i mezzi pesanti.

Per maggiori informazioni sul Formula 1 Pirelli Gran Premio d'Italia 2024 - Acquista i biglietti.