Con il progetto Awabot, l'Autodromo Nazionale Monza porta i giovani pazienti nel paddock di F1

Coinvolti IRCCS San Gerardo dei Tintori, Associazione teatrale Il Veliero e Associazione Sportiva Silvia Tremolada Onlus.

L’Autodromo Nazionale Monza ha tra le sue mission principali il valorizzare quelle iniziative che promuovono l’inclusione sociale. Tra queste il coinvolgimento nel progetto di Awabot della Fondazione IRCCS San Gerardo dei Tintori, dell’Associazione teatrale Il Veliero e dell’Associazione Sportiva Silvia Tremolada Onlus che dà l’opportunità a giovani pazienti di vivere indimenticabili esperienze virtuali in circuito.

Così, in occasione del 94° Formula 1 Pirelli Gran Premio d’Italia, in programma questo fine settimana, alcuni giovani pazienti, hanno avuto l’occasione di incontrare i campioni della Formula 1 grazie al collegamento video effettuato attraverso un robottino, una sorta di schermo su ruote, in movimento nel paddock. Così i bambini e i ragazzi delle hanno potuto porre domande interagendo coi propri beniamini, che hanno regalato loro momenti di grande emozione.

Nella giornata di giovedì particolarmente gioioso l’incontro con i piloti FerrariCharles Leclerc e Carlos Sainz, a cui ha fatto seguito quello con il CEO di Liberty Media, Stefano Domenicali e dell’asturiano di Aston Martin Frenando Alonso. Nel corso del weekend interverranno altri piloti di Formula 1, per un programma di incontri che prevede l’incontro con quasi tutti i piloti del Circus di Formula 1.

I robottini saranno all’opera anche nelle giornate del sabato e della domenica. In occasione della pit lane walk, saranno i ragazzi delle associazioni Il Veliero e Silvia Tremolada ad interagire virtualmente con personaggi del mondo della Formula 1.

Per la Fondazione IRCCS San Gerardo dei Tintori ma soprattutto per i bambini e gli adolescenti ricoverati nei giorni del Gran Premio di Formula Uno, si tratta di una occasione unica nel suo genere che farà vivere loro un'esperienza impareggiabile. Per questo ringraziamo l'organizzazione per averci coinvolti in una singolare e straordinaria avventura, che porterà virtualmente due reparti all'interno del paddock. Ma non solo. La Fondazione ospedaliera San Gerardo sarà il punto di riferimento per tutto l'evento, mettendo a disposizione la professionalità e la preparazione dei propri operatori per qualsiasi necessità. Un legame, quello che si è creato con l'Autodromo Nazionale Monza, con le gare e gli eventi ad esso connessi, che si consolida sempre più", sottolineano il Presidente della Fondazione IRCCS San Gerardo dei Tintori di Monza, dott. Claudio Cogliati, il Direttore Generale, dott. Silvano Casazza e il Direttore Scientifico, prof. Andrea Biondi.

L’attenzione dell’Autodromo Nazionale Monza verso le tematiche sociali e inclusive è sempre più importante e siamo ben felici di offrire il nostro supporto alle iniziative che ci vengono proposte. Quest’anno abbiamo accolto l’idea di Formula 1 di portare nel Paddock del Formula 1 Pirelli Gran Premio d’Italia i giovani pazienti dell’Ospedale San Gerardo e di altre due associazioni, anche se solo virtualmente, grazie al progetto Awabot. I piccoli pazienti del nosocomio brianzolo, che è un punto di eccellenza per l’autodromo in quanto ospedale di riferimento di tutte le nostre attività, e i ragazzi con disabilità delle altre associazioni, potranno incontrare i loro beniamini, permettendo loro di vivere l’esperienza del Gran Premio d’Italia e di visitare virtualmente quelli che sono i luoghi più significativi dell’Autodromo. Un’iniziativa che ci rende orgogliosi e che porta il nostro impegno nel sociale a livello ancora più elevato”, queste le parole del presidente SIAS Giuseppe Redaelli.


Formula 1 Pirelli Gran Premio d'Italia 2023: Piloti e spettacolo in FANZONE

Ingresso libero giovedì 31 agosto con i piloti di Formula 2 e Formula 3.

Saranno i piloti di Formula 2 e Formula 3 a inaugurare giovedì 31 agosto la Fanzone del 94° Formula 1 Pirelli Gran Premio d’Italia 2023 - in programma domenica 3 settembre (via alle ore 15), all’Autodromo Nazionale Monza. L’apertura dell’area, allestita tra il rettifilo opposto a quello dei box e quello dell’anello da Alta Velocità, è fissata per le ore 14, ingresso libero, accesso esclusivamente da viale Mirabello. I piloti dei due campionati saranno sul palco dalle 15.30 alle 16.30.

Leclerc e Sainz sul palco sabato mattina
Da venerdì, la Fanzone darà ampio spazio ai protagonisti della F.1 con piloti e team principal. Il calendario degli incontri prevede che il giorno dedicato alle prove libere veda alternarsi i piloti Aston Martin (ore 10.45-10.55), AlphaTauri (10.55-11.05), Williams (11.55-12.05) Alfa Romeo (12.05-12.15) e McLaren (12.15-12.25).  Al pomeriggio, dalle 14.40, toccherà ai team principal di Ferrari, McLaren e Aston Martin. Sabato mattina saliranno sul palco i piloti Ferrari (10.25-10.35), Mercedes (10.35-10.45), Red Bull (10.45-10.55), Alpine e Haas (10.55-11-05). Da venerdì - apertura 9-19 - l’accesso sarà consentito solo a chi possiede un biglietto per i giorni del GP. I cancelli dell’impianto, invece, si apriranno al pubblico a partire dalle ore 7 (7.30 venerdì 1° settembre). L’acquisto dei biglietti è possibile sui siti monzanet.it e ticketone.it

Cambio gomme, simulatore e Formula 1 made in Italy
Alla Fanzone gli appassionati potranno cimentarsi nel cambio gomme, testare la propria abilità al simulatore, vivere l’emozione del podio e compiere un salto nella Formula 1 del futuro. Ma sarà anche l’occasione per ammirare alcune monoposto made in Italy del passato: Alfa Romeo 182 (1982), Minardi 189(1989), BMS/Dallara-Cosworth 190 (1990), Lambo 291 (1991), Fondmetal  GR02 (1992). La colonna sonora sarà garantita da otto DJ targati M2O - radio partner della Fanzone - i quali, alternandosi, scandiranno il ritmo del fine settimana monzese. Sabato sera live con Carola Campagna. Domenica pomeriggio, gran finale dopo la tradizionale invasione di pista a fine gara.

Tributo Ferrari con la 499P regina di Le Mans
Stile, innovazione, alte prestazioni, lusso: Ferrari è tutto questo. Oltre che corse e competizioni. “La vittoria e anche la semplice partecipazione hanno un sapore particolare a Monza”: diceva Enzo Ferrari. E il Cavallino, nel solco del sentimento del proprio fondatore, fornisce un doveroso tributo alla sua gara di casa con una prestigiosa presenza nella Fanzone con monoposto e vetture a ruote coperte. Di particolare rilevanza, la 499P, la Hypercar, che ha regalato al Cavallino una vittoria alla 24 Ore di Le Mans che mancava da 58 anni, con l’equipaggio formato da Antonio Giovinazzi, Alessandro Pier Guidi e James Calado. Proprio Giovinazzi, impegnato a Monza come pilota di riserva della rossa, sarà tra i protagonisti in Fanzone. Ma le Ferrari sono anche vere e proprie opere d’arte e come tali verranno esposte carrozzerie di alcuni esemplari che hanno fatto storia: 750 Monza, che segnò l’inizio della collaborazione tra il Cavallino e Scaglietti; 250 GTO del 1962, forse la Ferrari più leggendaria; Testa Rossa Pontoon Fender e tre P4, tre per raffigurare, plasticamente, il celebre arrivo in parata della 24 Ore di Daytona del 1967: una delle vittorie più significative per la Casa di Maranello.

I piloti in parata con le “loro” auto storiche
In Fanzone si potranno, inoltre, ammirare le vetture storiche con le quali i piloti saluteranno il pubblico, durante la tradizionale parata della domenica mattina: la particolarità, adottata per la prima volta a Monza, è che i piloti saranno a bordo di auto della casa che fornisce loro la power unit. Verstappen e Perez (Red Bull), Ricciardo e Tsunoda (AlphaTauri) gireranno con Ford d’epoca. I motori della Casa statunitense equipaggeranno, infatti, le vetture schierate dalla nota azienda austriaca di bevande energetiche a partire dal 2026.

L’inno di Mameli: canta il Volo sulle note della Banda musicale della Polizia di Stato
Il suggestivo pre-gara sarà caratterizzato da una danza tricolore sulle note del violino elettrico suonato da Andrea Casta. A cantare l’inno di Mameli, a pochi minuti dal via, il Volo. Il trio - eccellenza del bel canto italiano nel mondo - sarà accompagnato dalle note della banda della Polizia di Stato. A suggellare l’evento, l’ormai tradizionale sorvolo delle Frecce Tricolori.

App Monza 100: su monzanet.it
Dal sito ufficiale monzanet.it, si può scaricare l’ultima versione dell’app Monza 100 per Android e iOS, per conoscere tutte le notizie utili a godersi un fine settimana a tutto gas.


Gran Premio d'Italia 2023

Leclerc e gli elementi iconici del “Tempio della Velocità” nell’immagine del 94° Gran Premio d’Italia

Monza vola verso il futuro: è questo il concetto espresso dal poster - svelato oggi - che accompagnerà la campagna di comunicazione del 94esimo Pirelli Gran Premio d’Italia di Formula 1, in programma all’Autodromo Nazionale Monza dall’1 al 3 settembre prossimi.

Il tracciato monzese svetta nel panorama del Mondiale di Formula 1 per le sue medie velocistiche da primato, meritando l’appellativo di “Tempio della Velocità”. Il GP 2023 costituirà l’ennesimo capitolo di una storia lunga cento anni, buona parte dei quali caratterizzati dalla costante presenza nel calendario della Formula 1, dal 1950 a oggi, con la sola eccezione del 1980.

Realizzato dall’ACI, il poster - oltre ad essere, da sempre, oggetto di culto per i collezionisti – costituisce, per tradizione, una pietra miliare nella campagna di comunicazione in vista del GP di settembre.

Gli elementi grafici, rappresentano la sintesi perfetta tra il glorioso passato, l’eccitante presente e l’entusiasmante futuro del circuito; un futuro reso ancora più luminoso dalla rilevanza e dalla qualità dei lavori di ammodernamento, che garantiranno che la F.1 sarà di casa a Monza per molti mondiali ancora.

Spiccano alcune strutture iconiche dell’Autodromo Nazionale come il podio - che, dal 2002, si protende sul tracciato come una mano aperta ad avvicinare i vincitori alla folla che invade il circuito (una tradizione nata proprio a Monza) - e la torre di rilevazione: simbolo di ricerca e innovazione, due elementi fondamentali che fanno parte, da sempre, del DNA del tracciato. Le due torri, posizionate sul rettifilo principale, sono infatti sorte nel 1955, insieme all’anello da Alta Velocità, con la funzione di informare il pubblico dell’andamento delle gare attraverso un avveniristico – per i tempi – tabellone luminoso. Poi dal 1997 sono state trasformate in ambite hospitality.

Nel poster compare, inoltre, la palazzina dei box, uno degli edifici più moderni dell’impianto: struttura altamente flessibile, assai apprezzata dagli appassionati più esigenti, destinata nei prossimi anni a un’ulteriore evoluzione.

A catturare l’occhio, però, è la Ferrari numero 16, quella di Charles Leclerc: il pilota monegasco ha già avuto modo di assaporare che cosa voglia dire vincere il Gran Premio di casa del Cavallino Rampante. La sua vettura in primo piano è una sirena rossa che ammalia gli appassionati, spingendoli verso la pista. Al suo fianco, a destra, la livrea di una Red Bull che ha, sinora, dominato il Mondiale, con un Max Verstappen avviato alla conquista del terzo titolo mondiale. A sinistra, la Aston Martin – la vera sorpresa dell’anno - grazie alla quale, a 41 anni, Fernando Alonso sta vivendo una seconda giovinezza. Le macchine appaiono lanciate sul rettifilo principale, dando l’idea della velocità che a Monza è elevatissima: il record ufficioso appartiene a Juan Pablo Montoya che, nel 2002, al volante della Williams motorizzata BMW, raggiunse i 372,4 km/h.


6 Hours of Monza

A Monza arriva il FIA WEC.

Il conto alla rovescia è terminato. Il FIA World Endurance Championship arriva nel Tempio della Velocità per il quinto round stagionale. Dopo la vittoria della Ferrari 499P, nell'edizione del centenario della 24h di Le Mans, la lotta per il titolo iridato si fa sempre più avvincente con Toyota a guidare la classifica contro "l'esordiente" Cavallino Rampante, distante solamente 18 punti dai nipponici. Anche nella classifica piloti sono i Campioni del Mondo in carica Brendon Hartley, Ryo Hirakawa e Sébastien Buemi su Toyota a comandare davanti al terzetto Ferrari formato da Alessandro Pier Guidi, James Calado e Antonio Giovinazzi.

Saranno 36 le vetture al via della 6h di Monza che scatterà domenica 9 luglio alle 12.30. Ben 13 le Hypercar schierate da 7 differenti costruttori: Toyota, Ferrari, Cadillac, Porsche, Peugeot, Glickenhaus e Vanwall, ma lo spettacolo è assicurato anche dalle 11 Oreca 07 - Gibson in classe LMP2 e dalle 12 LMGTE dei 4 marchi Ferrari, Aston Martin, Chevrolet e Porsche.

Oltre all'attesissima 6 ore del Campionato Mondiale Endurance, sui 5.793 metri del circuito brianzolo, scenderanno in pista anche le vetture dell'Alfa Revival Cup, le storiche monoposto della F3 Classic e le Tatuus della F1 Academy, la serie satellite di Formula 1, che vedrà sfidarsi le migliori giovani pilote del panorama internazionale.

Il programma del fine settimana inizierà già giovedì 6 luglio dalle 20.00 in Piazza Trento e Trieste a Monza con un evento che vedrà sfilare sul palco i piloti del FIA WEC pronti a salutare i tifosi e a concedersi per autografi e selfie assieme alle vetture che, da venerdì scenderanno in pista nel Tempio della Velocità. Nella piazza antistante il Comune di Monza verrà anche consegnato un premio ai protagonisti della vittoria Ferrari alla 24h di Le Mans.

Venerdì 7 luglio si accenderanno i motori all'Autodromo Nazionale Monza con le prove libere del FIA WEC e delle serie di contorno. Ingresso libero a tribune e paddock e alla Fan Zone che aprirà i battenti con esposizione di vetture, merchandising, kids area, food court, maxischermi dai quali seguire l'azione in pista e un palco sul quale si esibirà DJ Admin che animerà il fine settimana monzese.

Ben 4 gare in programma sabato 8 luglio oltre alle qualifiche del mondiale endurance. Ma soprattutto la prima Pit Walk, aperta a tutti gli spettatori, con sessione autografi che inizierà alle 13.40 sino alle 14.25.

Il clou del weekend arriverà domenica 9 luglio. Alle 9.00 la terza gara della F1 Academy seguita dalla F3 Classic. Alle 10.30 sarà di nuovo Pit Walk con sessione autografi prima del via della 6h di Monza quando, sulla griglia di partenza del Tempio della Velocità sarà la Marina Militare a consegnare il tricolore allo starter del quinto round del FIA WEC. A guidare lo schieramento, nel giro di formazione, sarà Dindo Capello, tre volte vincitore della 24h di Le Mans e Grand Marshal della 6h di Monza. Alle 12.30 semaforo verde per la gara che potrà essere seguita anche sui maxischermi posizionati sul rettilineo di partenza, in Prima Variante e all'esterno della Variante Ascari.

"Possiamo senz’altro affermare che la 6 Ore, che si disputerà domenica a Monza, costituisce uno degli appuntamenti più importanti del nostro calendario – commenta il presidente di Autodromo Nazionale Monza Giuseppe Redaellila storica vittoria della Ferrari alla 24 Ore di Le Mans sta contribuendo in maniera formidabile alla crescita di popolarità di un campionato, il FIA WEC, che vede la partecipazione di alcune delle più importanti case automobilistiche internazionali. Per Monza, questo appuntamento si innesta in una lunga storia che fa tornare in mente i fasti della famosa 1000 Chilometri"

Sul sito monzanet.it e sull'APP Monza 100 tutte le informazioni per godersi lo spettacolo della 6h di Monza nel migliore dei modi: i percorsi per accedere alle tribune, parcheggi, aree ristoro e molto altro.


Rally Monza

I primi dettagli dell’ACI Rally Monza, il gran finale tricolore

L’ultima tappa del Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco e del Campionato Italiano Rally Terra si svolgerà venerdì 1 e sabato 2 dicembre. Studiato un percorso, per maggior parte sterrato, interamente ricavato nell’Autodromo Nazionale Monza.

Prosegue la messa a punto dell’ACI Rally Monza, l’attesa tappa finale del Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco e del Campionato Italiano Rally Terra 2023, che si svolgerà venerdì 1 e sabato 2 dicembre presso l’Autodromo Nazionale Monza. L’evento organizzato da SIAS, con la collaborazione di ACI Sport, inizia intanto a prendere forma e nella giornata di martedì 27 giugno è stato presentato alla Giunta Sportiva il progetto per questa nuova edizione.

I primi dettagli confermano quindi un rally che si svolgerà su un percorso interamente ricavato nel Tempio della Velocità, prevalentemente disegnato sulle strade sterrate del Parco di Monza, già calcate nelle ultime edizioni dal Mondiale Rally, nel 2020 e 2021, intervallate da alcuni passaggi iconici sull’asfalto del circuito che a settembre ospiterà il GP di Formula 1. Il format sarà quello classico già adottato dalle maggiori serie nazionali, che prevede giovedì le ricognizioni, lo shakedown nella mattinata del venerdì e a seguire una prima porzione di gara. Il giorno successivo, al sabato, andrà in scena invece la parte più consistente della competizione. La proposta iniziale del percorso prevede circa 80 chilometri, divisi in 10 prove speciali, su 4 diversi tratti cronometrati.

Come già indicato da ACI Sport al momento della titolazione, l’ACI Rally Monza assegnerà un punteggio a coefficiente 1,5 sia per il CIAR Sparco, come ottavo round, che per il CIR Terra, come sesta tappa. Insieme alle due serie maggiori si completeranno anche le sfide del CIAR Junior, del CIAR Due Ruote Motrici e del Campionato Italiano R1, come per tutte le Coppe ACI Sport di classe e categoria comprese nei campionati.


ACI Racing Weekend

Il quinto ACI Racing Weekend della stagione 2023 si prepara a colorare il Tempio della Velocità

L’ACI Racing Weekend promette spettacolo all'Autodromo Nazionale Monza - 6 serie e 14 gare in pista con ingresso gratuito e parcheggio a pagamento sabato e domenica.

L’Autodromo Nazionale Monza, dopo un mese di giugno fitto di appuntaemnti e in attesa del FIA WEC, farà da palcoscenico al quinto ACI Racing Weekend della stagione 2023. Tra venerdì 23 giugno e domenica 25 giugno i protagonisti di ben sei differenti campionati scenderanno tra i cordoli del Tempio della Velocità, regalando spettacolo a tutti gli appassionati presenti.

Riflettori accesi soprattutto sul Campionato Italiano Gran Turismo Sprint e i suoi 44 iscritti al round monzese, ma tanto interesse anche nei confronti dei giovani talenti dell’Italian F4 Championship, pronti a sfidarsi sul circuito brianzolo in tre differenti gare che si preannunciano combattute e appassionanti. L’azione in pista sarà infine garantita dal Campionato Italiano Sport Prototipi, dal Campionato Italiano Autostoriche, dalla BMW M2 CS Racing Cup Italy e dal Mini Challenge: giunte al proprio terzo appuntamento stagionale, le quattro categorie si preparano ad animare con sorpassi, duelli e tanta azione in pista il primo dei due ACI Racing Weekend in programma quest’anno nel calendario del Tempio della Velocità.

Sull’App “Monza 100” sarà possibile trovare indicazioni sulle tribune aperte e sui punti di ristoro presenti in Autodromo, oltre alle indicazioni per raggiungere le attività del Tiscali Monza Karting, del Monza Shop e dell’Info Point, dal quale partiranno i “Monza Tour Experience” alla scoperta del Tempio della Velocità


MIMO 2023

60.000 i visitatori al MIMO 2023

Si è chiusa da poche ore la 3ª edizione di MIMO e si sente ancora l’eco dell’entusiasmo dei 60.000 visitatori che dal 16 al 18 giugno hanno colorato l’Autodromo Nazionale Monza, affollando tutte le zone tra paddock, tribune e box.

Sold out per i test drive organizzati in collaborazione con Plenitude e proposti dalle case automobilistiche BYD, Cirelli, Dodge, Hyundai, Mazda, Mole Urbana, Nissan, Polestar, Ram, Suzuki, Suzuki moto, Volkswagen, Verge Motorcycle che hanno visto code davanti ai loro stand dalle prime ore del mattino, le stesse code che hanno affollato i box e i paddock ricchi di hypercar e supercar di Apollo, Aston Martin, Bentley, Dallara, De Tomaso, Ferrari, Lotus, Maserati, McLaren, Pambuffetti, 777 hypercar, protagoniste assolute di esibizioni e hot lap che hanno affollato le tribune e mosso l’adrenalina dei visitatori a ogni accensione in paddock. Il brand italiano Aehra ha scelto MIMO per presentare, in anteprima mondiale, la sua Sedan, la berlina full electric disegnata da Filippo Perini, e Grassi Scuderia Milano ha scelto il pubblico di Monza per mostrare la sua 044s.

Perché la 3ª edizione di MIMO è stata soprattutto dinamismo, con ogni modello di auto e mezzo speciale esposti in sfilata tra la pista di Formula 1 e le sopraelevate dell’Anello di Alta velocità messi in moto per sfilate in tutte le aree del Tempio della Velocità.

La 3ª edizione di MIMO è stata l’occasione per vedere salire sul podio Polimove del Politecnico di Milano, il team vincitore della Indy Autonomous Challenge, la sfida di monoposto a guida autonoma senza pilota che per la prima volta si sono sfidate in Europa, su un circuito con curve e staccate. Il Politecnico di Milano ha vinto la sfida a tempo in Autodromo contro Technische Universität München TUM (2° posto), Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia (3° posto).

Un successo che risuona nelle parole di Andrea Levy, Presidente MIMO: “Ringrazio tutti gli espositori che hanno creduto in questa che sulla carta è la 3ª edizione di MIMO, ma che a conti fatti è un’edizione zero, totalmente allestita e organizzata all’Autodromo Nazionale Monza. Abbiamo creduto da sempre che l’Autodromo fosse la location perfetta per il festival motoristico che avevamo in mente, e l’entusiasmo e i numeri che abbiamo avuto sotto gli occhi in questi tre giorni lo confermano. Adesso la testa è al 2024, a tutto quello che possiamo valorizzare ulteriormente di questo format. Insieme ai nostri partner stiamo fissando le date, che molto probabilmente porteranno MIMO a fine giugno”.

Sul sito www.milanomonza.com le foto e i video più che raccontano la 3ª edizione di MIMO.


Monza regala una cornice da 30mila tifosi al GT World Challenge Europe

Vittoria della BWM di Yelloy-Eng-Wittmann davanti all'altra BMW di ROWE Racing e alla Lamborghini di Iron Lynx. 

Un grande successo di pubblico la prima gara stagionale del 2023 Fanatec GTWorld Challenge Europe powerd by AWS all’Autodromo Nazionale Monza. 30mila spettatori hanno affollato il circuito monzese durante i tre giorni culminati nella 3 ore della serie continentale che ha visto trionfare la BMW M4 GT3 numero 98 del team Rowe Racing guidata da Yelloly-Eng-Wittmann: il trio anglo-tedesco, scattato dalla pole position, dopo 94 giri, percorsi in 3h01’ 22”674, alla media di 180,3 km/h ha preceduto di 13”557 i compagni di scuderia Harper Hesse-Verhagen e di 20”187 la Lamborghini Huracan GT3 Evo 2 del team Iron Lynx condotta da Bortolotti-Caldarelli-Pepper.

Nelle altre categorie si sono imposti: Hofer-Baert-Soulet (Audi R8 LMS evo II Gt3), settimi assoluti, nella categoria Gold; Hezemans Dejonghe-Hutchinson  Audi R8 LMS evo II Gt3) nella Silver (16esimi al traguardo) e Bachler-Malykhin-Sturm (Porsche 911 Gt3 R -922) nella Bronze (15esimi assoluti).

Sfortunata l’avventura di Valentino Rossi, protagonista indiscusso del fine settimana monzese e seguito da tantissimi tifosi che esibivano su magliettine e cappelli il suo caratteristico 46. Il 9 volte campione del mondo di motociclismo, che scattava in prima fila con la BMW M4 GT3 del team WRT, condivisa con  Farfus e Martin, è stato protagonista di un dritto alla prima variante per un problema all’antistallo, dopo che nelle fasi iniziali aveva mantenuto la seconda posizione, perdendo terreno. Poi il team è stato costretto a ritirare la vettura danneggiata dopo una foratura mentre alla guida c’era Farfus.

Nelle Eupean GT4 si sono imposti Lariche-Consani (Audi R8) e Schrey-BMW M4 GT4), mentre nella GT2 le vittorie sono andate a Beltoise (Audi R8 LMS GT2 - LP Racing) e a Longin (Audi R8 LMS GT2 - PK Carsport). Nella Clio Cup Series, con una griglia di partenza da oltre 50 vetture, doppietta per Gabriele Torelli (Rangoni Corse).


Fanatec GT World Challenge

Il Fanatec GT World Challenge Europe pronto ad infiammare Monza

Atteso il pubblico delle grandi occasioni per la 3 ore di domenica con ben 55 GT3 al via.

Cresce l'attesa per il primo appuntamento stagionale del Fanatec GT World Challenge Europe powered by AWS. L'Autodromo Nazionale Monza è pronto ad accogliere oltre 170 vetture che regaleranno spettacolo sul tracciato brianzolo con 55 GT3 attese al via per la 3 ore monzese che scatterà alle ore 15.00 di domenica 23 aprile. La serie targata SRO torna a Monza dopo un anno di assenza con uno schieramento da brividi grazie a numeri record e nomi altisonanti.

Pronto a scendere in pista con la BMW M4 GT3 del Team WRT, Valentino Rossi, tra i più attesi dopo un anno di "apprendistato" che lo ha già portato a combattere per le posizioni di vertice. Ma la concorrenza sarà agguerrita per l'ex centauro di Tavullia, in classe pro con campioni del calibro di Antonio Fuoco, Davide Rigon e Alessandro Pier Guidi che si alterneranno al volante della Ferrari 296 GT3 numero 71 di AF Corse.

Occhi puntati anche sul campione in carica Raffaele Marciello, in pista con la Mercedes AMG GT3 di Akkodis ASP Team e su Andrea Caldarelli e Mirko Bortolotti che condivideranno con Jordan Pepper la Lamborghini Huracan GT3 Evo2 di Iron Lynx.

Ben 8 i marchi presenti con Ferrari, Lamborghini, Audi, Porsche, BMW, Mercedes, McLaren e Aston Martin che si contenderanno la prima gara della stagione. Ma non sarà solo la griglia della 3 ore di Monza a far luccicare gli occhi agli appassionati. Anche nella GT4 European Series saranno 52 le vetture in pista nelle due gare che si disputeranno sabato e domenica. Così come la Fanatec GT2 European Series che porterà sul tracciato monzese le vetture più estreme. A completare un programma eccezionale la Clio Cup Series con ben 53 vetture in pista.

Stephane Ratel, fondatore e CEO di SRO Motorsport Group, ha dichiarato: "Sono lieto di tornare a Monza per inaugurare la stagione 2023 del Fanatec GT World Challenge Europe Powered by AWS. Questo circuito iconico ha un posto importante nella storia di SRO Motorsports Group, che risale al nostro primo evento qui nel 1995. Allora come oggi, ha un'atmosfera molto speciale e produce gare emozionanti e ad alta velocità. Con una fantastica griglia di 55 auto e una serie di supporto di alto livello, so che ci aspetta un altro meraviglioso fine settimana".

Ancora disponibili i biglietti sul sito ufficiale dell'autodromo nella sezione dedicata al Fanatec GT World Challenge oppure sul sito ufficiale Ticketone.it.


Oltre 700 vetture colorano Monza per l'ACI Storico Festival

La terza edizione della manifestazione all'Autodromo Nazionale Monza supera ogni record con oltre 7000 appassionati che hanno riempito tribune e paddock.

Oltre 700 vetture provenienti da ogni angolo d'Italia e d'Europa hanno colorato il paddock e il tracciato dell'Autodromo Nazionale Monza per la terza edizione dell'ACI Storico Festival ospitata sul circuito brianzolo. Gli oltre 7000 appassionati hanno potuto osservare da vicino e sentire il ruggito dei motori delle vetture che hanno fatto la storia delle quattro ruote.

Grazie alla collaborazione con Automobile Club Milano, Registro Italiano Alfa Romeo e Scuderia del Portello, l'ACI Storico Festival ha raggiunto un nuovo record, superando di quasi 100 unità il numero di vetture, rispetto all'edizione dello scorso anno.

Premiate dalla neonata rivista di ACI Editore, Youngclassic, le 4 vetture più iconiche della manifestazione: Tra le Coupé, una Datsun 240Z, tra le berline una Alfa Romeo Alfetta 1979, tra le scoperte, Porsche 911 996 Cabrio e fuori concorso una Alfa Romeo Giulia 1600 Spider del 1962.

Anche il CEO di Alfa Romeo, Jean-Philippe Imparato, ha dimostrato, ancora una volta, la sua infinita passione per le vetture storiche, ammirando i modelli del "Biscione" presenti e confessando di essere un grande amante di Monza, ricordando la sua prima volta sul tracciato brianzolo nel 1987 nel corso di un track day.

Nel corso della kermesse è stato presentato il nuovo corso sul restauro di auto d'epoca a cura di MTS Motorsport Technical School. Ad illustrarlo la fondatrice e CEO di MTS Eugenia Capanna affiancata da Corrado Lopresto, tra i più grandi collezionisti di auto d'epoca, Ivano Barletta, docente del corso ed ex capo macchina di Michael Schumacher in Scuderia Ferrari, oltre al presidente di Autodromo Nazionale Monza, Giuseppe Redaelli.

Proprio il presidente Redaelli ha voluto sottolineare la perfetta riuscita della manifestazione: "L'ACI Storico Festival ha portato in Autodromo una festa di colori e suoni, mostrando la passione che ruota attorno al mondo delle vetture storiche. Grazie ad ACI Storico, Automobile Club Milano, al Registro Italiano Alfa Romeo e alla Scuderia del Portello che hanno reso possibile una giornata da record"